DISCARICA VERGINE


MACROAREA “ A “ DISCARICA VERGINE


v  Dal giorno della costituzione di AttivaLizzano in data 21/05/2010, gli associati in riunioni frequenti per escogitare misure opportune contro la Discarica Vergine e prendono coscienza civica nei confronti della cittadinanza sul problema dell’acido solfridico, gas velenoso, proveniente dalla Discarica Vergine;
v  Giugno 2010, AL raccoglie circa 900 esposti denuncia da parte di cittadini colpiti da disturbi fisici a causa delle esalazioni della discarica e inviati a: Procura della Repubblica di Taranto, Comune di Taranto, Provincia di Taranto, Comune di Lizzano, ARPA, ASL di Taranto, Assessorato alla Sanità della Regione Puglia;
v  25/06/2010, AL è invitata a partecipare , insieme ai vari enti  e ai rappresentanti dei gestori della Discarica Vergine, ad un tavolo tecnico  indetto dalla Regione Puglia;
v  07/07/2010, Comunicato stampa di AL  sulla richiesta della Ditta Vergine  srl alla Regione Puglia per una deroga  a poter accettare rifiuti con concentrazioni nell’eluato fino a 3 volte i valori limite riportati;
v  12/07/2010, AL è invitata a partecipare, insieme ai vari enti e ai rappresentanti dei gestori della Discarica Vergine  ad un tavolo tecnico presso l’Assessorato all’Ambiente della Regione Puglia per discutere su alcune deroghe che la proprietà chiede di ottenere;
v  13/07/2010, La Regione Puglia concede le deroghe imponendo severe prescrizioni che dovrebbero far diminuire le emissioni di H2S ( acido solfidrico ) nell’aria con il parere negativo delle associazioni presenti;
v  08/10/2010, Atto vandalico con scritte offensive  sul muro e sulla porta della sede di AL operato da ignoti;
v  26/10/2010, Riunione presso la sede di AL  con tutti i comitati ambientalisti della provincia di Taranto  per far fronte all’emergenza rifiuti  campani e delle discariche presenti sul territorio tarantino;
v  Ottobre 2010, Manifestazioni settimanali sotto il Municipio di Lizzano contro i rifiuti provenienti dalla Campania;
v  15/10/2010, AL è invitata a partecipare  ad un tavolo tecnico indetto  presso l’Assessorato all’Ambiente Della Regione Puglia insieme ai vari enti interessati ed ai rappresentanti dei gestori della Discarica Vergine per discutere sulla eventualità di deroga al parametro DOC dei rifiuti; AL è presente al Consiglio Intercomunale monotematico a Monteparano. Le Amministrazioni partecipanti di  di Lizzano, Faggiano, Fragagnano Monteparano e Taranto sono concordi nell’effettuare monitoraggi costanti, la bonifica dell’area, degli studi attraverso le università e a verificare eventuali legami con la Discarica Vergine per rischio di patologie. Intenti tutti disattesi;
v  17/10/2010, Deposizione della Dott.ssa D’Oria , Pediatra in Lizzano e attivista di AL nella Relazione Territoriale sulle Attività Illecite Connesse al Ciclo dei Rifiuti nella Regione Puglia a cura della Commissione Parlamentare d’Inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti ( pag. 147 della Relazione Territoriale sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti nella Regione Puglia  e comunicata alle presidenze il 20/06/2012 );
v  26/10/2010, Lettera aperta da tutti i comitati territoriali e indirizzata  a tutte le istituzioni per dire no ai rifiuti campani in Terra Jonica;
v  27/10/2010, AL organizza una manifestazione con le lenzuola e striscioni posti sui balconi di gran parte del paese per sensibilizzare la cittadinanza sul problema inquinamento dell’aria;
v  Ottobre 2010, AL in collaborazione con la popolazione scolastica di Lizzano e durante la “ FESTA DELL’ACCOGLIENZA “ organizzano una manifestazione impostata essenzialmente sull’esigenza di poter respirare un po d’aria pulita e senza i miasmi della discarica. A Novembre 2010 AL incontra presso la sede della Provincia di Taranto il Presidente Florido , l’Assessore all’Ambiente Conserva ed altri consiglieri per i problemi ambientali di Lizzano; successivamente si instaura un presidio con altre associazioni della provincia jonica in Consiglio Provinciale contro i rifiuti urbani provenienti da Napoli;
v  Dicembre 2010, Manifestazioni settimanali itineranti per i vari quartieri di Lizzano contro la Discarica Vergine, nelle quali viene comunicata la manifestazione cittadina del 12/12/2010;
v  12/12/2010, Grande manifestazione pubblica cittadina organizzata da AL contro l’inquinamento da acido solfidrico. Sono state coinvolte le scuole, le associazioni ambientaliste e di volontariato della provincia di Taranto;
v  16/12/2010, AL prende parte attiva al Consiglio Comunale monotematico di Lizzano. All’unanimità è concorde sull’effettuare controlli e carotaggi  nell’area della Discarica Vergine. Maggioranza e opposizione pronti a lottare per la chiusura dell’impianto e a manifestare anche davanti alla discarica. Intenti tutti disattesi;
v  27/12/2010, AL organizza una manifestazione pacifica con blocco delle strade che conducono alla discarica;
v  10/01/2011, Presso il Palazzo della Provincia di Taranto, AL è presente al Consiglio Provinciale con striscioni di protesta e si delibera all’unanimità sulla richiesta di maggiori controlli ( acqua, aria e suolo ) nelle discariche presenti nella provincia jonica con effettuazione di carotaggi, l’adozione delle migliori tecnologie in assoluto per ridurre le emissioni odorigene, la redazione del piano provinciale dei rifiuti speciali. Intenti disattesi;
v  11/01/2011, AL insieme all’Associazione CarosiNodiscariche incontra il Sindaco di Lizzano Macripò per discutere ancora una volta di rifiuti, chiedendogli di organizzare un incontro con la Regione Puglia;
v  19/01/2011, Presso l’Assessorato all’Ambiente della Regione Puglia, incontro tra AttivaLizzano, l’Assessore all’Ambiente Lorenzo Nicastro e il Sindaco di Lizzano Dario Macripò in cui l’Assessore  promette un tavolo tecnico sulla Discareica Vergine e riapertura dell’AIA;
v  20/01/2011, Assemblea pubblica di AttivaLizzano. Sono presenti: il Sindaco di Lizzano Macripò, il Sindaco di Taranto Stefàno e l’Assessore alla Sanità di Taranto Romeo, promettono l’istituzione di un tavolo tecnico , la realizzazione di analisi anche con enti privati per confrontarli con quelli dell’ARPA e precisano di voler ricercare interlocutori affidabili evitando quanti abbiano avuto rapporti di consulenza con la ditta Vergine. Nello stesso tempo viene comunicato ai presenti che alla Discarica Vergine sono stati inflitti 10 gg. di chiusura per irregolarità nella conduzione dell’impianto. Anche questa volta, gli impegni presi dalle istituzioni èpresenti all’ncontro sono stati tutti disattesi;  
v  25/01/2011, Il TAR di Lecce riapre la Discarica Vergine smontando l’atto della Regione Puglia;
v  27/01/2011, Assemblea pubblica di AttivaLizzano presso Aula Consigliare di Lizzano per incontrare i consiglieri regionali e membri della Commissione Ambiente della Regione Puglia: Arnaldo SALA, Alfredo CERVELLERA e Donato PENTASSUGLIA insieme al Sindaco di Lizzano Dario MACRIPO’, il Sindaco di Faggiano Domenico SGOBBA e il Vice Sindaco del Comune di Monteparano Francesco BLASI. All’unanimità prendono l’impegno di creare un tavolo tecnico per discutere del problema Vergine SPA;
v  02/02/2011, AL organizza con le mamme di Lizzano un incontro con il Presidente della Regione Puglia Nichi VENDOLA che promette la riapertura delle AIA delle discariche nella Provincia di Taranto. Promessa non mantenuta;
v  10/02/2011, AL, insieme al Sindaco di Lizzano Dario MACRIPO’ ottengono un incontro con il Prefetto di Taranto Carmela PAGANO, che con pazienza e palese sensibilità ci promette un tavolo tecnico  con tutte le parti in causa della Discarica Vergine da tenersi in Prefettura. Promessa non eseguita;
v  Febbraio 2011, AL si costituisce legalmente al TAR di Lecce per fermare temporaneamente la Discarica Vergine e organizza con Pullman, una manifestazione con centinaia di cittadini lizzanesi a Lecce in occasione della sentenza del TAR sulla discarica Vergine;
v  13/03/2011, Comunicato stampa contro tutte le istituzioni per i mancati interventi promessi e non mantenuti per contrastare la cattiva gestione della Discarica Vergine;
v  30/03/2011, Comunicato stampa per CDS organizzata presso la sede dell’Assessorato all’Ambiente della Provincia di TA per discutere sulle deroghe  da concedere alla Vergine srl e a cui AL non è stata invitata. Nel comunicato si invita la popolazione a manifestare sotto la sede;
v  28/04/2011, AL deposita alla sede dell’Assessorato all’Ambiente della Provincia di Taranto il proprio motivato PARERE NEGATIVO rispetto alla concessione di ulteriori deroghe richieste dalla Società Vergine;
v  20/05/2011, Comunicato emesso a causa delle esalazioni che neanche i festeggiamenti del Patrono San Pasquale Baylon nei giorni 17 e 18 maggio hanno risparmiato;
v  30/04/2011, Serata di sensibilizzazione per il rispetto dell’ambiente e della salute dal titolo “ PER LA NOSTRA TERRA “. Ospiti della serata Mimmo CAVALLO ed Emanuele BARBATI;
v  08/07/2011, AL con un comunicato stampa esprime la propria contrarietà  alla sentenza del TAR e ribadisce l’irregolarità lo smaltimento dei rifiuti speciali della Discarica Vergine;
v  10/10/2011, In opposizione al Decreto Governativo che consentirebbe alla Regione Campania di interloquire direttamente con i gestori privati delle discariche attraverso il sistema degli appalti , AL emana un comunicato provocatorio alla Regione Puglia;
v  13/11/2011, AL dopo il sequestro della Discarica Vergine con facoltà d’uso avvenuto il 07/11/2011, chiede che vengano svolti i carotaggi per verificare se con i rifiuti campani fossero stati smaltiti diossine, furani pcb e pop. La discarica viene dissequestrata il 16/11/2011;
v  30/12/2011, Lettyera aperta al Prefetto di Taranto Carmela PAGANO avente come oggetto: BILANCIO DI FINE ANNO. Un bilancio, purtroppo, di inerzia totale da parte delle Istituzioni;
v  18/06/2012, AL incontra il capo del Gabinetto del Prefetto di Taranto SAMMARTINO per esporre i problemi che la popolazione di Lizzano è costretta a subire per i miasmi della Discarica Vergine;
v  04/08/2012, Esposto presentato da AL all’AG per le esalazioni maleodoranti che ormai da circa 3 anni provocano malessere alla popolazione di Lizzano;
v  13/09/2012, Lettera al Vescovo Mons. Filippo SANTORO per informarlo del totale abbandono della popolazione di Lizzano ad affrontare le problematiche della discarica , sia dalle istituzioni che dalle Parrocchie locali;
v  29/10/2012, Conferenza stampa di AL con vari giornalisti di diverse testate giornalistiche sia locali che nazionali per il grave problema della discarica Vergine e con un Comunicato Stampa comunica la presentazione ufficiale della relazione della Commissione Parlamentare d’Inchiesta sui Rifiuti e nell’occasione si invitano presso la propria sede  i comitati, le associazioni e una rappresentanza di cittadini dei comuni limitrofi della discarica . In quella sede si decide , vista la drammaticità della situazione  ambientale di adottare tutti i provvedimenti possibili per arginare il fenomeno;
v  18/11/2012, I comitati del versante orientale jonico e con loro AL, chiedono di rivedere le AIA dei siti di stoccaggio delle discariche per rifiuti speciali;
v  29/11/2012, AL inoltra denuncia/esposto per esalazioni che invadono tutto il territorio lizzanese provocando in molte persone malori di vario genere e chiede all’AG di accertare eventuali responsabili;
v  12/12/2012, AL inoltra un rapporto dei VV.FF. di Taranto come integrazione all’esposto del 29/11/2012;
v  14/12/2012, Lettera aperta agli amministratori riuniti in Provincia di Taranto per discutere i rilievi e le considerazioni della Commissione Parlamentare d’Inchiesta sul ciclo dei rifiuti. Con la lettera si denuncia il mancato invito di AL;
v   01/02/2013, AL è intervistata dal periodico settimanale “ OGGI “ n°. 5 del 01/02/2013. Nell’occasione la giornalista Raffaella FANELLI svolge una breve inchiesta intervistando il Presidente di AL Angelo DEL VECCHIO, IL Preside dell’Istituto Comprensivo di Lizzano Filippo COPPOLA e il responsabile della  Ditta Vergine Antonio ANGLANO;
v  04/02/2013, La Dott.ssa D’Oria, attivista di AL, partecipa alla trasmissione radiofonica di Radio Rai “ LA RADIO NE PARLA “ esponendo le criticità territoriali a causa del proliferare delle discariche;
v  Febbraio 2013, partecipazione attiva di AL  alla “ LOTTA DELLE MAMME “ contro l’acido solfidrico che ammorba le scuole di Lizzano, da tale lotta si è ottenuto il monitoraggio ambientale dell’ARPA che ha certificato la provenienza inequivocabile dell’acido solfidrico dalla Discarica Vergine;
v  22/02/2013, La Dott.ssa D’Oria di AL riceve dai gestori della Discarica Vergine una diffida;
v  03/05/2013, AL organizza un incontro/dibattito con la cittadinanza : “ I CITTADINI E LA LEGALITA’ “, relatore il giudice antimafia Giuseppe GATTI;
v  26/06/2013, integrazione all’esposto del 29/11/2012 all’AG tramite l’Avv. Francesco NEVOLI;
v  10/07/2013, Denuncia tramite stampa di AL circa le esalazioni provenienti dalla Discarica Vergine che investe tutto il territorio lizzanese;
v  01/08/2013, Richiesta di AL alla Regione Puglia lo stato delle garanzie rilasciate a questo Ente dalla Discarica Vergine;
v  05/12/2013, integrazione all’esposto del 29/11/2012 all’AG tramite l’Avv. Nevoli;
v  05/12/2013, Breve comunicato stampa emanato per le continue esalazioni di H2S che investono il paese e si richiede alle Autorità locali di vigilare e intervenire al verificarsi di tali situazioni;
v  23/02/2014, Manifestazione organizzata da AL “ PER LA NOSTRA TERRA – PER LA NOSTRA VITA “ a seguito del sequestro della Discarica Vergine. Nell’occasione fu pure presentato un concorso di disegno presso le scuole di Lizzano avente come tema: “ L’AMBIENTE IN CUI VIVI E COME VORRESTI CHE FOSSE “;
v  08/03/2014, Conferenza stampa per sequestro discarica Vergine;
v  11/04/2014, Botta e risposta di AL con l’Assessore all’Ambiente della Regione Puglia  Lorenzo Nicastro. Nell’occasione AL critica l’assessorato a non intervenire verso la Discarica Vergine per ritirare a quest’ultima l’autorizzazione AIA dopo l’avvenuto sequestro dell’impianto per opera della Magistratura a causa della non conformità al progetto iniziale;
v  10/02/2015, Comunicato stampa di AL in occasione dell’anniversario della chiusura  della Discarica Vergine per sequestro preventivo da parte dell’Autorità Giudiziaria di taranto;
v  14/05/2015, Nell’ambito del progetto “ GENITORI NON SI NASCE “ convegno organizzato da AL e l’associazione Prospettive di Sviluppo: “ LE DISCARICHE DI RIFIUTI E L’IMPATTO SULLA SALUTE “. Relatori: Dottore Internista Presidente Regionale dell’ISDE Dott. DI CIAULA, Dott.ssa Oculista dell’ISDE SERRA, Pediatra Dott.ssa dell’ISDE D’ORIA, Presidente AttivaLizzano Sig. DEL VECCHIO, moderatrice Dott.ssa Psicologa PAGANO;
v  19/06/2015, Integrazione all’esposto del 29/11/2012 all’AG tramite l’Avv. Nevoli per continue emissioni di esalazioni nell’atmosfera e che investono Lizzano;
v  09/07/2015, AL scrive ad Emiliani, Presidente della Regione Puglia e a tutte le istituzioni, sia locali, regionali e provinciali chiedendo come intendono muoversi alla luce della catastrofica situazione della discarica, la mancanza totale delle fidejussioni restituite inspiegabilmente alla Vergine srl, eventuali danni riconosciuti alle parti civili, chi ne dovrà rispondere e che tutta la zona delle discariche è interessata da oltre 40 anni a ricevere rifiuti di ogni genere e che allo stato attuale nessuno intende occuparsene?
v  27/07/2015, inoltro di una ulteriore lettera per mancato riscontro  alla precedente del 09/07/201;
v  28/09/2015, Integrazione all’esposto del 29/11/2012 all’AG tramite l’Avv. Nevoli;
v  10/10/2015, Comunicato stampa di AL per chiedere al Sindaco Macripò , quale garante della salute pubblica a Lizzano, se abbia intrapreso misure opportune affinchè la popolazione fosse liberata dai malesseri provocati dalle esalazioni della Discarica Vergine , ormai in abbandono;
v  12/11/2015, Lettera aperta a tutte le Autorità che hanno a cuore la salute dei cittadini lizzanesi;
v  17/12/2015, AttivaLizzano è presente con striscioni  di protesta presso la sede della Provincia di Taranto dove nel consiglio provinciale si discuterà l’eventuale voltura dell’AIA dalla Vergine srl alla LUTUM srl;
v  28/12/2015, AttivaLizzano è presente presso la sede della Regione Puglia sia per consegnare un documento d’intenti all’Assessore all’Ambiente SANTORSOLA e sia per far sentire il suo dissenso alla esplicita volontà dell’Ente a volturare l’AIA da Vergine srl alla LUTUM srl;
v  11/01/2016, AL emana un articolo dal titolo “ IL TAR LECCE DECIDE SUL DIRITTO ALLA SALUTE DEI LIZZANESI “. Il 13/01/2016 il TAR di Lecce dovrà pronunciarsi se accogliere la sospensiva della Ditta Vergine Giuseppe e i suoi famigliari;
v  21/01/2016, AL inoltra una diffida al Sindaco di Taranto Ippazio Stefàno;  
v  19/02/2016, Flash Mob di AL organizzato con la popolazione di Lizzano sotto uno dei tanti manifesti sparsi per Taranto e Lizzano e della misura di mt. 6x3 dal titolo: “ OLTRE 40 ANNI DI RIFIUTI. ORA BASTA. CHIUSURA E BONIFICA DELLA DISCARICA VERGINE “;
v  20/02/2016, AL partecipa all’incontro con le istituzioni promosso dal meetup 5s di Taranto;
v  25/02/2016, AL partecipa come uditore ad un tavolo tecnico con l’Assessore all’Ambiente della Regione Puglia Santorsola insieme ad altre istituzioni. Nell’occasione AL consegna e mette a verbale un suo documento per esprimere le criticità delle vecchie e nuove discariche ormai dimenticate da tutti;
v  15/03/2016, Indetta una conferenza stampa presso l’Aula Consiliare del Comune di Lizzano per comunicare la cancellazione dai registri dell’EMAS della Vergine srl con il conseguente decadimento dell’AIA;
v  25/05/2016, Lettera di sollecito inviata all’Assessore Santorsola e per conoscenza a quanti delle istituzioni presenti al tavolo tecnico del 25/02/2016 presso lo stesso assessorato;
v  14/06/2016, Il Comitato “ Territorio Bene Comune “ di San Marzano di S.G. invita a relazionare al Convegno la Dott.ssa D’Oria, attivista di AL: “ SALUTE E DISCARICHE. LO STATO DEL NOSTRO TERRITORIO;
v  09/07/2016, Diffusione di un comunicato stampa dal titolo: “ ISTITUZIONI ANCORA ASSENTI SULLA DISCARICA VERGINE “;
v  22/07/2016, documento da mettere a verbale in occasione dell’incontro presso l’Assessorato all’Ambiente della Regione Puglia;
v  30/07/2016, La Dott.ssa D’Oria, attivista di AL, a Taranto relaziona al Convegno “ OGNI BAMBINO DOVREBBE ESSERE SANO E POTERLO RIMANERE “. Il Convegno è organizzato dall’ISDE di Taranto;
v  03/08/2016, Partecipazione al tavolo tecnico  promosso dall’Assessore all’Ambiente della Regione Dott. Santorsola, presso il suo assessorato. AL promuove interventi atti a mobilitare le istituzioni, in considerazione del fatto che da oltre due anni non viene rimosso il percolato fuoriuscito dagli argini, essendo le discariche Palombara e Mennole in totale stato di abbandono dopo il sequestro Giudiziario avvenuto il 10/02/2014, creando gravi danni all’ambiente. Nell’occasione AL si è fatta promotrice  verso le stesse istituzioni  presenti al tavolo di intraprendere una analisi del territorio circostante le discariche suddette  in quanto da oltre 40 anni in quei siti si è scaricato ogni sorta di rifiuti perché non vigeva alcuna norma in proposito, soddisfando lo smaltimento di tutta la provincia di Taranto. Analisi che sono sempre state promesse da tutti e in ogni occasione e che a tutt’oggi nessuno ancora ha provveduto a fare, anche in concomitanza di rilascio di AIA per discariche per rifiuti speciali;
v  17/09/2016, La Dott.ssa D’Oria, attivista di AL, relaziona ad Erchie ( BR ) al Convegno organizzato dall’ISDE e dall’Ordine dei Medici di Brindisi “ CICLO DEI RIFIUTI. TERRITORIO E SALUTE UMANA “;
v  19/10/2016,  Comunicato stampa inviato da AL, denunciando il silenzio e l’inerzia delle istituzioni nell’affrontare lo stato emergenziale delle discariche Palombara e Mennole;
v  25/11/2016, Costituzione di Parte Civile nell’udienza preliminare nei confronti dei 5 imputati coinvolti nell’inchiesta sulle emissioni odorigene della Discarica Vergine di Lizzano;
v  02/12/2016, Pubblicazione di un manifesto informando la popolazione lizzanese per l’avvenuta costituzione di Parte Civile nel processo penale contro i gestori della Discarica Vergine indicando anche l’utilizzo che AttivaLizzano  farà di un eventuale risarcimento riconosciuto in sede di giudizio;
v  16/12/2016, tavolo tecnico presso la sede dell’Assessorato alla Qualità dell’ambiente della Regione Puglia per discutere sulle problematiche create dalla Discarica Vergine per via dei superamenti CSC nei pozzi circostanti la stessa. In conseguenza di ciò AL preme verso le Istituzioni per una immediata bonifica, caratterizzazione e chiusura definitiva delle due discariche: Palombara e Mennole, quest’ultima già in post-produzione ma in stato di completo abbandono;
v  03/01/2017, AttivaLizzano presenta un esposto alla Procura della Repubblica di Taranto per denunciare la presenza di inquinanti nelle falde acquifere adiacenti la discarica Vergine. Difatti l’ARPA TA nei prelievi di campioni effettuati nei pozzi spia all’interno della Discarica ha rilevato la presenza in grosse quantità di idrocarburi, ferro e PCB. Quest’ultimo altamente cancerogeno. Da considerare che nella zona vi sono attività agricole e pastorali e gli operatori si approvvigionano delle acque di falda per i loro fabbisogni, come d’altronde la popolazione di Lizzano che trovandosi sulla direttrice dei flussi delle stesse falde, potenzialmente possa essere interessata in quanto buona parte degli abitanti è sprovvista di allacciamento AQP e si approvvigiona per i vari fabbisogni di quelle acque. Pertanto si è chiesto alla Procura di indagare affinchè sia le attività industriali che la popolazione non si trovi in situazioni di pericolo;
v  03/01/2017, AL informa con una PEC tutte le Istituzioni nazionali, regionali, provinciali e comunali, autorità sanitarie e politiche inviando loro l’esposto presentato alla Procura in data odierna e invitando per chi di competenza ad intervenire per arginare eventuali situazioni di pericolo alla salute pubblica;
v  06/01/2017, L’Associazione emana un comunicato stampa per informare la popolazione dei risultati delle analisi delle acque di falda e che a tale proposito AL ha informato la Procura con un esposto;
v  16/01/2017, AttivaLizzano riceve dal Ministero dell’Ambiente risposta alla  comunicazione inviata il 03/01/2017 allegando l’esposto presentato alla Procura di Taranto nella stessa data. Nella risposta il Dirigente della Divisione I chiede aggiornamenti alla Regione, alla Provincia e al Comune di Taranto;
v  27/01/2017, AttivaLizzano riceve dal Dipartimento Mobilita’, Qualità Urbana, Opere Pubbliche  Ecologia e Paesaggio della Regione Puglia  risposta alla comunicazione inviata il 03/01/2017 allegando l’esposto presentato alla Procura di Taranto nella stessa data. Nella risposta il Dirigente del Dipartimento chiede alla provincia di Taranto e all’ARPA di trasmettere tempestivamente il risultato delle analisi sulle acque di falda che saranno condotte sul sito inquinato;
v  27/01/2017, Articolo riguardante il rinvio a giudizio per i 5 imputati inerente le irregolarità presso la Discarica Vergine in località Palombara;
v  10/02/2017, Interrogazione parlamentare del M5S riguardo la situazione precaria della Discarica Vergine;
v  12/02/2017, Invio al Sindaco di Lizzano una lettera avente come oggetto: “INDAGINI SUL TERRITORIO”. Si chiede se, alla luce dei risultati delle analisi effettuate dall’ARPA nei pozzi artesiani interni la Discarica Vergine contenenti idrocarburi, ferro e PCB, quest’ultimo altamente cancerogeno, abbia provveduto ad effettuare una indagine sul territorio cittadino di Lizzano;
v  14/02/2017, Il Presidente di AttivaLizzano rilascia una intervista al Quotidiano di Taranto spiegando i motivi per cui l’Associazione teme un disastro ambientale di immani proporzioni;
v  14/02/2017, In data odierna si esegue prelievo di un campione di acqua presso un pozzo artesiano di un privato cittadino ad Ovest del paese onde effettuare la ricerca di alcuni metalli pesanti tipo: stronzio, arsenico, piombo, cadmio, cromo, manganese, ferro PCB e idrocarburi;
v  25/02/2017, AttivaLizzano aderisce e partecipa alla manifestazione a Taranto denominata “ GIUSTIZIA PER TARANTO “;
v  04/03/2017, AL aderisce all’iniziativa promossa dall’Associazione di Volontariato Onlus  Arcobaleno Nel Cuore impegnata alla raccolta fondi per attivare un reparto di Oncologia Pediatrica presso l’Ospedale di Taranto essendo completamente priva di tale reparto;

v  09/03/2017,  , In data odierna si esegue prelievo di due campioni di acqua presso un pozzo artesiano di un privato cittadino a Est del paese e presso il locale convento, a Nord   onde effettuare la ricerca di alcuni metalli pesanti tipo: stronzio, arsenico, piombo, cadmio, cromo, manganese, ferro PCB e idrocarburi;
v  14/03/2017, L’Associazione AttivaLizzano prende parte all’incontro presso l’assessorato all’Ambiente della Regione Puglia per discutere sulle problematiche delle discariche per rifiuti speciali Mennole e Palombara ormai in completo stato di abbandono. Nell’incontro odierno, alla luce dell’esposizione da parte di ARPA delle ennesime analisi prodotte dai pozzi freatici spia, queste ultime critiche, pare che le istituzioni responsabili ad avviare le procedure per la bonifica dei siti abbiano preso consapevolezza dell’inutilità di girare intorno al problema, ormai da 15 mesi e affrontarlo definitivamente;
v  09/04/2017,  Prodotto Comunicato stampa di AttivaLizzano per informare dell’emissione dell’ordinanza della Provincia di Taranto emessa il 31 marzo scorso. L’ordinanza è quanto dovuto dall’Ente provincia nei confronti dei gestori della Discarica Vergine srl e dei proprietari del sito giusto quanto previsto dall’art. 244 comma 2 e art. 250 comma 2 del TUA;
v  18/04/2017, AttivaLizzano aderisce insieme ad altri comitati e associazioni territoriali limitrofe alle discariche della Provincia di Taranto, alla richiesta di audizione presso la Regione Puglia per esporre le proprie osservazioni alle modifiche della parte V del dLgs 152/2006 e allo schema di legge che sarà portato in commissione ambiente della regione Puglia il 22/04/2017 riguardanti le emissioni odorigene;
v  26/05/2017, Si invia una lettera aperta alla Commissione Europea, al Ministero dell’Ambiente, alla Regione Puglia, alla Provincia di Taranto, al Comune di Taranto, al Prefetto di Taranto e a tanti altri numerosi enti per chiedere  CHI DEVE BONIFICARE LA DISCARICA VERGINE …E QUANDO. La lettera scaturisce perché l’ordinanza emessa dalla Provincia di Taranto ai gestori della discarica Vergine in ottemperanza all’art. 244 del TUA è stata da questi totalmente ignorata e pertanto l’Associazione AttivaLizzano chiede agli Enti responsabili di attenersi a ciò che prescrive l’art. 250 del TUA;
v  15/06/2017, Convocazione in V Commissione Regione Puglia per audizione dell’Ass. AttivaLizzano con i comitati rifiuti Taranto sul disegno di legge regionale: DDL n.42 del 20.4.2017 “Disciplina in materia di emissioni odorigene” ; DDL n.43 del 20.4.2017 “Proroga dei termini di adeguamento alla legge regionale 23/2015 in materia di emissioni odorigene";
v  18/06/2017, Lettera ai sindaci della provincia di Taranto e ad alcuni della provincia di Brindisi, interessati alle emissioni odorigene delle discariche. La stessa lettera è stata anche inviata ai consiglieri regionali tarantini. L’oggetto della lettera e: Partecipazione dei Comitati Jonici ad Audizione presso V Commissione del Consiglio Regionale della Puglia –Bari
- DDL n.42 del 20.4.2017 “Disciplina in materia di emissioni odorigene”;
- DDL n.43 del 20.4.2017 “Proroga dei termini di adeguamento alla legge regionale 23/2015 in materia di emissioni odorigene";
v  20/06/2017, Comunicato stampa dei Comitati Rifiuti Taranto sui DDL in materia di emissioni odorigene;
v  25/06/2017, Sulla scia della risposta dell’Assessore Santorsola a una interrogazione del Consigliere Galante inerente la fase di stallo in cui versa la Discarica Vergine, AttivaLizzano, preoccupata, invia una lettera ai sindaci delle località limitrofe la discarica affinchè adottino qualche iniziativa per l’avvio delle bonifiche;
v  26/06/2017, al via la prima udienza contro i gestori della Discarica Vergine;
v  10/07/2017, Altra udienza presso il tribunale di Taranto contro la Discarica Vergine e i suoi gestori. In questa udienza viene riconosciuta all’Associazione AttivaLizzano la costituzione di parte civile. Nella prossima udienza del 30/10/2017 verranno ascoltati i testimoni e tra i quali anche il Presidente di AttivaLizzano Angelo DEL VECCHIO;
v  23/07/2017, Sulla scia della delibera di giunta della Regione Puglia del 13/07/2013 in cui si stanziano diversi milioni di euro per le bonifiche di aree inquinate e che le istituzioni territoriali potrebbero candidarsi a tale finanziamento facendone richiesta, AttivaLizzano ha inviato una richiesta di audizione al Comune e alla Provincia di Taranto per chiedere loro quale strategia intendono adottare per questa possibilità di finanziamento affinchè la Discarica Vergine, in stato di abbandono fin dal suo sequestro, possa essere bonificata, messa in sicurezza e chiusa;
v  30/08/2017, A causa del totale stallo in cui versa ogni decisione o iniziativa da parte delle istituzioni sulla questione Discarica Vergine, AL torna a riaccendere i riflettori su di essa con un comunicato stampa. Nell’articolo l’associazione denuncia l’inerzia della politica e suggerisce al sindaco di Taranto Melucci di approdare ai finanziamenti posti dalla Regione per la bonifica delle aree inquinate e chiede che venga invitata da questi per chiedere che strategia l’Amministrazione tarantina intende intraprendere per la bonifica e la chiusura della discarica e nello stesso tempo invita i comuni interessati alla discarica di far sentire la propria voce sul problema;
v  21/09/2017: A seguito dell’emanazione di un  bando parso sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia il 14 settembre scorso, rivolto alle amministrazioni locali e dedicato all’emissione di fondi da utilizzare per la bonifica di siti inquinati, AL ha emanato un comunicato stampa per invitare il Comune di Taranto a farsi carico a concorrere per il bando onde attingere i fondi necessari per mettere in sicurezza, bonificare e chiudere definitivamente la Discarica Vergine: sia la Palombara che la Vergine, quest’ultima già in post-produzione ma in stato di abbandono;
v  02/10/2017, AttivaLizzano, grazie all’aiuto del Consigliere regionale Borraccino, riesce ad ottenere un incontro con il Vice Sindaco di Taranto De Franchi. In quell’occasione si discutono delle criticità in cui versano le discariche Mennole ( in post produzione ) e Palombara ( sotto sequestro dal febbraio 2014 ), della presenza di un lago di percolato fuoriuscito dalla discarica Palombara e dello stato delle falde acquifere interessate dalla presenza di ferro, idrocarburi, PCB e diossine, facendo superare le CSC ( concentrazione soglie di contaminazione ). Nell’occcasione AL chiede al rappresentante del Comune di Taranto se intendessero partecipare al bando emesso dalla Regione Puglia per l’ottenimento di finanziamenti dedicati alla bonifica di siti inquinati. Il comune, ci comunica De Franchi che ha già fato inizio al progetto da presentare alla Regione per la partecipazione al bando. AL, in quella sede, chiede al comune di farsi carico ad iniziare la procedura verso la Regione per il riconoscimento di tutta l’area inquinata come SIN ( sito di interesse nazionale ) per l’intervento del Governo Italiano alla bonifica del sito;
v  30/10/2017, Dinanzi al Giudice Fulvia Misserini l’Associazione AttivaLizzano, nella persona del Presidente Angelo Del Vecchio viene ascoltata in qualità di testimone per il processo a carico di Paolo Ciervo, Mario Petrelli, Pasquale Moretti e le due Società Vergine SPA e Vergine SRL;
v  05/12/2017, Sulla scia dell’istanza presentata dal Consigliere Regionale del m5s Antonio Trevisi, AttivaLizzano emana un comunicato stampa. Tale istanza riguarda l’adozione del FATTORE DI PRESSIONE, strumento già adottato dalla Regione Lombardia e Calabria. Il fattore di pressione limiterebbe la creazione di nuove discariche in quei siti già compromessi da altri impianti. Difatti, esso opera in funzione dei metri cubi di rifiuti su una  superficie unitaria espressa in Km quadrati;
v  26/02/2018, In data odierna il Presidente di AttivaLizzano e la Dott.ssa D’oria Antonietta, pediatra in Lizzano, dietro invito della locale sezione del Partito LIBERI E UGUALI di Lizzano, relazionano su: “ DISCARICA VERGINE, LO STATO DELLE COSE ATTUALI E GLI INTERVENTI FATTI DA ISTITUZIONI E DA ASSOCIAZIONI “;
v  12/03/2018, AttivaLizzano è presente presso l’aula consiliare di Grottaglie, insieme alla stessa popolazione, al sindaco di Grottaglie e ad altri sindaci e associazioni per prendere visione della situazione incresciosa che è pervenuta dalla Provincia di Taranto riguardo il parere positivo rilasciato dall’Ente provinciale sull’aampliamento in altezza della discarica Ex Ecolevante di Grottaglie. Dopo un’ampia spiegazione del sindaco D’Alò, questi spiega che tutti i sindaci dell’arco orientale di Taranto sono stati invitati dal Presidente della Provincia Tamburrano a recarsi giovedì 15 per  fornire loro alcune comunicazioni. Dopo  vari interventi tra il pubblico, si decide di organizzare per tale data, in concomitanza con l’incontro, un Sit-in sotto la residenza della Provincia di Taranto e a cui AL ha dato la propria disponibilità;
v  13/03/2018, Durante la giornata di ieri è apparsa improvvisa  una notizia sull’emittente televisiva di TN ed annunciava che l’Ager, l’Agenzia Generale dei Rifiuti stesse per acquistare la Discarica Vergine sita nelle vicinanze di Lizzano su Isola Amministrativa di Taranto per  far fronte all’emergenza dei rifiuti. Nella discarica in questione si ipotizza di sversarci rifiuti biostabilizzati  provenienti da tutta la Puglia. Notizia che crea sconcerto e incredulità in tutto il territorio regionale, a cominciare dai consiglieri regionali e locali che ignorano totalmente tale manovra. Lo stesso Commissario regionale dell’Ager dice di non sapere nulla in proposito. La notizia essendo ricca di particolari non si addice ad una bufala. Di conseguenza AttivaLizzano emana, in proposito, un proprio comunicato stampa;
v  16/03/2018, Sull’emotività delle notizie che si rincorrono in questi giorni e per niente rassicuranti, riguardo la possibilità della ripresa della coltivazione di rifiuti della Discarica Vergine, AL decide di organizzare un evento rivolto all’incontro con la cittadinanza che avverrà il 20/03/2018 nell’aula consiliare di Lizzano alle ore 18:00 e nello stesso tempo si decide di inviare una lettera aperta al Governatore della Puglia Dott. Michele Emiliano;
v  05/04/2018, A seguito di un esposto presentato alla Magistratura di Taranto da AL in data 03/01/2017 per inquinamento delle falde acquifere da idrocarburi, PCB,  diossine e Ferro, la Procura della Repubblica comunica di aver concluso le indagini avviate e contesta il reato di DISASTRO AMBIENTALE COLPOSO  per la contaminazione delle acque sotterranee determinata dal percolato della discarica a Moretti, Ciervo e Petrelli;
v  09/04/2018, Conseguentemente alla comunicazione della procura della Repubblica sull’avviso agli ex gestori della discarica Vergine per la chiusura delle indagini riguardo ad un esposto presentato da AttivaLizzano il 03/01/2017, la stessa nella sua comunicazione avvalora i timori dell’associazione e della cittadinanza, constatando un disastro ambientale colposo, individuando gli ex gestori dell’impianto i responsabili. Il Sostituto Procuratore della Repubblica nella sua relazione ritiene che il sito necessiti di “provvedimenti eccezionali” per metterlo in sicurezza a causa della contaminazione delle acque di falda, trovando in esse: nitrati, PCB, diossine e boro. Per l’evidenza dei timori che l’associazione ha sempre denunciato alle Istituzioni lo stato di pericolo del sito, AL ha emesso un comunicato stampa esortando la Regione e la Provincia di Taranto a bonificare, mettere in sicurezza e chiudere definitivamente il sito;
v  09/04/2018, La parlamentare europea Rosa D’Amato ci invia per conoscenza una interrogazione volta al Comune di Taranto inviata il 23/02/2018 per chiedere quali interventi stia adottando il Comune di Taranto per fronteggiare i grossi problemi che scaturiscono dalla Discarica Vergine dal suo sequestro giudiziario avvenuto a febbraio 2014;
v  17/04/2018, La Procura della Repibblica, nella persona del Sostituto Procuratore Lanfranco MARAZIA, scrive alla Prefettura, alla Provincia e all’ARPA inviando loro la conclusione delle indagini sullo stato delle acque sotterranee nell’area circostante la Discarica Vergine comunicando loro la presenza di NITRATI, PCB, DIOSSINE e BORO, che prendano consapevolezza della situazione delicata dei siti e che si attivino secondo le proprie competenze;
v  20/04/2018, inviato alla stampa documento  pre manifestazione condiviso da alcuni comitati e associazioni della provincia jonica e alcune amministrazioni comunali. Il documento illustra brevemente gli ultimi eventi che vedono la Regione interessarsi della Discarica Vergine per quanto riguarda la sua bonifica e messa in sicurezza per poi utilizzarla al ritiro di rifiuti biostabilizzati per colmare i buchi esistenti o le vasche non ancora completate. AttivaLizzano, spiega il documento, si oppone fermamente a quest’ultima parte della bonifica e pertanto ha indetto una manifestazione per il 22 aprile 2018 alle ore 17:30;
v  22/04/2014, Manifestazione “ PER LA NOSTRA TERRA “ dove ha visto la massiccia partecipazione della cittadinanza di Lizzano , comitati e associazioni, sindaci delle località vicine e politici sia regionali che nazionali. I partecipanti sono stati oltre mille;
v  24/05/2018, AttivaLizzano invia, tramite PEC, una lettera al Presidente della Regione Puglia chiedendo un incontro per conoscere lo studio di fattibilità dei lavori di bonifica da apportare alla discarica Vergine. La richiesta scaturisce da un incontro avuto il 18 aprile 2018 con il Commissario Regionale Per la Gestione dei Rifiuti Dott. Grandaliano, il quale, avendoci messo a conoscenza dello studio in corso, si era ripromesso che al termine dello stesso lo avrebbe reso noto alla popolazione di Lizzano spiegando i modi e i tempi di intervento. A tutt’oggi non ci è dato sapere nulla in proposito;
v  02/06/2018, Dalla rassegna stampa di oggi si apprende che la Giunta regionale, due giorni fa ha dato il via a intraprendere i lavori di bonifica e poi di messa in sicurezza  della Discarica Vergine. Attività di bonifica che potrebbe comportare la temporanea ripresa dell’attività fino al riempimento degli spazi residui. La stessa notizia viene data in maniera più completa dalla Dott.ssa Valenzano, la direttrice del’Ager, la quale afferma che se al termine delle operazioni di bonifica, ci saranno le condizioni, la chiusura definitiva dell’impianto ne implica, infatti il riempimento completo e la successiva copertura. La regione vorrebbe infatti trasformare la “ Vergine “ in un impianto pubblico per alleviare l’emergenza e potrebbe acquisirne la proprietà proprio in cambio degli interventi di emergenza che spetterebbero ai vecchi gestori. AttivaLizzano, tramite il suo presidente Angelo Del Vecchio rilascia immediatamente una dichiarazione di dissenso per la parte successiva alla bonifica, annunciando una prossima estate calda dal punto di vista di agitazioni della popolazione che ne seguiranno e rimanda il confronto con Grandaliano a lunedì prossimo ad un convegno organizzato da Legambiente Taranto;
v  19/06/2018, In riferimento alla probabile bonifica e messa in sicurezza della Discarica Vergine  con probabile ripresa della coltivazione di rifiuti di quest’ultima da parte della Regione Puglia, AttivaLizzano, congiuntamente a Legambiente Fragagnano, esasperati dal continuo mutismo da parte del Governatore Emiliano, emanano un ennesimo comunicato stampa denunciando il vecchio sistema politico dove la popolazione deve subire le decisioni che le Istituzioni prendono in capo a chi ci vive senza rendere queste ultime partecipi e messe adeguatamente a conoscenza delle azioni che si intende adottare. La democrazia partecipata di cui Emiliano vanta di adottare, rimane solo uno slogan che non serve a nulla;
v  19/06/2019, in data odierna ci giunge da parte del Tribunale di Taranto la comunicazione della fissazione della data dell’udienza preliminare contro gli ex gestori della Discarica Vergine per l’accusa di Disastro Ambientale a seguito di un esposto presentato da AttivaLizzano alla Procura di Taranto in data 03/01/2017;
v  19/06/2018, l’Associazione AL, in occasione dell’invito da parte del Ministro Del Lavoro Di Maio volto a tutte le associazioni ambientaliste dell’arco jonico, non potendo partecipare fisicamente all’incontro, invia una lettera descrivendo sommariamente le criticità che il territorio di Lizzano, insieme a quello tarantino subiscono per le troppe fonti inquinanti esistenti;
v  26/06/2018, l’Associazione AL si reca  all’invito della Regione Puglia al tavolo tecnico presso la Fiera del Levante, pad. 152 sul tema “ AVVIO DELLE PROCEDURE PARTECIPATIVE PER LA FORMAZIONE  DEL PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI “. Nell’occasione, tra i vari interventi di altre associazioni, il presidente A. Del Vecchio evidenzia nel documento della Regione ancora l’uso di inceneritori e discariche, contrariamente all’obiettivo che si propone l’ente: rifiuti zero. Al Dott. Grandaliano, presente al tavolo tecnico, siamo riusciti ad avere conferma che appena possibile dovrebbe venire a Lizzano per illustrare il piano di bonifica della discarica Vergine; si è evidenziato che nel loro programma di intervento manca l’intervento sulla discarica Mennole, ormai in postproduzione e che la cifra di circa 7 milioni di euro siano insufficienti per l’intera bonifica a fronte dei 18 milioni di euro ipotizzati dalla provincia di Taranto; si è preteso e confermato da Grandaliano che alle operazioni ci sia la supervisione di professionisti del settore che rappresentino i cittadini; si evidenzia, inoltre, nel documento che AL è contraria agli impianti di compostaggio a digestione anaerobica in quanto i residui non sarebbero idonei per l’agricoltura e quindi andrebbero in discarica e inoltre questo tipo di impianti permetterebbero solo un ricavo di energia a discapito delle emissioni di H2SO4; si è inoltre evidenziato che l’uso degli inceneritori è da bandire per il restante indifferenziato in quanto i residui, anch’essi andrebbero smaltiti in discarica in quanto non buoni per l’agricoltura, oltre ai danni che produrrebbero, questi impianti, all’ambiente; si è  inoltre evidenziato l’attività che svolge AL sullo scambio solidale e si è auspicato di incentivare le associazioni di volontariato a fare altrettanto;
v  25/07/2018, in data odierna si inoltra al Sindaco e all’Assessore all’ambiente del Comune di Lizzano una comunicazione avente per oggetto: INDAGINI SUL TERRITORIO. La lettera scaturisce dalla necessità di conoscere se l’Amministrazione Comunale intenda effettuare delle indagini sul territorio di Lizzano e precisamente nelle acque di falda. Si ricorda che da analisi delle acque in prossimità della Discarica Vergine effettuate sia dall’ARPA che dal Sostituto Procuratore della Repubblica Marazia, sono state riscontrate la presenza di PCB,ferro, diossine, idrocarburi, nitrati e boro tali da far superare le CSC. Si ricorda inoltre che già il 12/02/2017 AL formulò la medesima richiesta all’allora sindaco Dario Macripò ma senza ottenere risposta;
v  30/07/2018, AL riceve per conoscenza dall’Amministrazione Comunale di Lizzano comunicazione inviata all’ARPA Taranto e all’ASL di Taranto per effettuare controlli analitici alla foce del Canale Ostone e, come da ns. nota inviata al Comune di Lizzano il 25/07/2018, controlli analitici sulla qualità delle acque profonde all’interno dell’abitato del Comune di Lizzano;
v  08/09/2018, apprendiamo da voci che circolano, che il compendio immobiliare su cui insiste l'impianto di smaltimento rifiuti ( discarica Vergine ), attualmente sotto sequestro, sia stato venduto ad un privato. AttivaLizzano si riserva, appena la notizia sarà confermata, di intraprendere le azioni più opportune per far fronte a questo nuovo probabile scenario. La notizia la pubblichiamo sulla pagina facebook di AttivaLizzano;
v  13/09/2018, In riferimento alla nota del 08/09/2013, AttivaLizzano, in associazione a Legambiente “ Circolo di Fragagnano “ emana un comunicato stampa. Nello stesso si evidenziano le varie tappe intercorse dalla Regione Puglia sull’argomento dell’acquisizione delle discariche,in particolare, la bonifica della Discarica Vergine, sotto il controllo pubblico. Nel documento si evidenzia, inoltre, l’inaffidabilità che mostrerebbe avere l’Ente regionale con il suo governatore e il suo Commissario AGER Dott. Grandagliano;
v  04/10/2018, in seguito all’avvicinarsi dell’elezione del presidente della provincia di Taranto che avverrà il 31 ottobre, AttivaLizzano, con un comunicato stampa, chiede ai candidati alla presidenza come si porranno nei confronti della discarica Vergine considerando i vari cambiamenti di strategie, non certo vantaggiose per le popolazioni limitrofe la discarica operati dal governatore Emiliano, tramite il suo direttore dell’AGER Grandaliano;
v  06/10/2018, AttivaLizzano partecipa ed interviene in un dibattito organizzato dall’Amministrazione Comunale di Taranto “ LIZZANO E LA DISCARICA “ dove vede tra i relatori il Dott. Grandaliano, direttore dell’AGER;
v  25/10/2018, in questi giorni si stanno rincorrendo molte notizie inerenti la discarica. L’ultima è quella di oggi, apparsa sulla Gazzetta del Mezzogiorno. L’articolo evidenzia un incontro tenuto presso la Commissione ambiente del Comune di Taranto dove si evidenzia l’offerta della Lutum a farsi carico, a proprie spese, della bonifica e messa in sicurezza della discarica Vergine e che al termine di queste operazioni è verosimile che la stessa società chieda le autorizzazioni alla ripresa dell’attività di discarica. A fronte di questi scenari che si prospettano a breve, AL, nella riunione di oggi, avvenuta con i suoi soci, decide di invitare i sindaci delle aree interessate al problema a fare fronte comune contro la probabile riapertura della discarica e imporre alla Regione che, insieme all’ARPA e alla Regione, come previsto, vi sia anche un perito di parte dei comuni a vigilare sui lavori di bonifica. Da parte sua, AL preparerà un comunicato stampa;
v  08/11/2018, in data odierna, a seguito della comunicazione inviata nei giorni scorsi a tutti i sindaci delle aree interessate alla discarica Vergine, AL si reca all’incontro organizzato dal Comune di Lizzano per fare il punto sulla situazione e chiedere agli organi competenti: Comune di Taranto, Provincia di Taranto, ARPA, Regione Puglia, quale sia lo stato attuale del crono programma per la bonifica e messa in sicurezza dell’area discarica. Alla riunione erano presenti alcune associazioni ambientaliste e alcuni sindaci invitati e purtroppo gli altri, per motivi istituzionali, non sono potuti intervenire. All’unanimità si è deciso di far fronte comune contro eventuali tentativi di riapertura della Discarica Vergine dopo la tanto sospirata bonifica e messa in sicurezza;
v  22/11/2018, oggi è stata inviata al Presidente della Regione Puglia Emiliano una richiesta di uincontro con successivo sopralluogo presso le discariche Mennole e Palombara. La richiesta scaturisce dal fatto che tutti i sindaci interessati alla discarica, nei giorni scorsi, avendo fatto richiesta di prendere parte ai tavoli tecnici che si tengono sui problemi della discarica e non avendo avuto alcuna risposta, il sindaco di Lizzano ha preso l’iniziativa di invitare personalmente Emiliano a recarsi a Lizzano ;
v  26/11/2018, purtroppo il comportamento della Regione Puglia verso le popolazioni e le associazioni ambientaliste limitrofe la discarica continua ad essere poco corretto e trasparente. Difatti il 22 novembre scorso, presso la sede regionale di Via Gentile a Bari si è tenuta un’ennesima conferenza dei servizi inerente la Discarica Vergine dove, come ormai di consueto, all’oscuro dei sindaci e delle associazioni interessate alla discarica. A tal proposito, AL, riunitasi con altre associazioni e cittadini ha deciso in modo unitario di organizzare alcune manifestazioni. La prima si terrà a Lizzano, in Piazza Matteotti il 13 dicembre e successivamente, con il primo evento utile che si terrà presso la sede della Regione Puglia, un’altra manifestazione dinanzi la stessa sede di Via Capruzzi;
v  29/11/2018, AL, invitata, su richiesta, dall’Assessore all’Ambiente del Comune di Taranto, Dott.ssa Viggiano, si reca presso la sede del comune con l’ass. Legambiente Fragagnano, il comitato Resistere di Fragagnano e il comitato di San Marzano di S.G.. Motivo dell’incontro è stato per chiedere innanzitutto che l’amministrazione tarantina si facesse carico, verso gli interlocutori regionali, di non escludere dai vari incontri di conferenze di servizio e tavoli tecnici le associazioni ambientaliste e i comuni interessati al problema discarica Vergine;
v  01/12/2018, il Presidente di AL Angelo DEL VECCHIO rilascia un’intervista al Quotidiano di Puglia come commento ad un articolo di stampa del Presidente Emiliano. Quest’ultimo asserisce nell’articolo che la discarica, dopo la bonifica e la messa in sicurezza, verrebbe chiusa;
v  12/12/2018, AL partecipa ad un incontro pubblico presso il Comune di Fragagnano organizzato dal sindaco Fischetti  G. per contrastare la possibile riapertura della Discarica Vergine. . Alla tavola rotonda, organizzata per il dibattito erano presenti  alcune delle massime autorità locali e regionali, come: il dr. Giovanni Gugliotti, neo presidente della Provincia di Taranto, Cosimo Borraccino, Assessore Sviluppo Economico Regione Puglia, il dr. Giuseppe Turco, Consigliere Segretario e componente dell’Ufficio di presidenza del Consiglio Regione Puglia, Luigi Morgante, Consigliere Segretario e componente dell’Ufficio di presidenza del Consiglio Regione Puglia, l'Avv. Dario Iaia, Sindaco del Comune di Sava, Valerio Morelli, Vicesindaco del Comune di Lizzano, l'Onorevole dr. Giuseppe Tarantino, Sindaco del Comune di San Marzano di S.G. e Michele Shifone, Sindaco del Comune di Torricella. Presenti all'incontro le associazioni attiviste  locali e non come Legambiente Fragagnano e AttivaLizzano.
Al ha evidenziato ai presenti che allo stato attuale da parte della Regione resta ancora la.volonta', se le condizioni lo permettono, dopo la messa in sicurezza, di riattivare la discarica, stante alle parole citate dalla.Dott.ssa Valenzano, dirigente del Dipartimento Ambiente, in una sua lettera protocollo il 30/10/2018, contrariamente a ciò che asserisce Emiliano. Pertanto si è chiesto ai presenti di farsi portavoce verso il Presidente per suggellare con un atto scritto la chiusura definitiva della discarica, come lui stesso asserisce;
v  14/12/2018, AL è  presente all'udienza presso il Tribunale di Taranto contro gli ex gestori della discarica. l'ultima udienza nella quale sarà emessa la sentenza si svolgerà il 21/12/2018;
v  21/12/2018, in data odierna, presso il tribunale di Taranto, davanti il Presidente Dott.ssa Flavia MISSERINI, viene emessa la sentenza nei confronti degli ex gestori della Discarica Vergine per getto pericoloso di cose e molestie olfattive. Come quasi in tutte le udienze, AttivaLizzano è presente con i suoi rappresentanti;
v  22/12/2018, AttivaLizzano, in riferimento alla sentenza di ieri 21/12/2018, emana una nota stampa esprimendo le proprie impressioni su ciò che ha condotto gli inquirenti prima e la magistratura poi, all’epilogo di ieri, evidenziando l’azione dell’Ass. AttivaLizzano con i suoi esposti, la preziosa guida dell’Avv. Nevoli e la sensibilità ai nostri problemi ambientali del sostituto Procuratore della Repubblica Dott. Lanfranco Marazia;
v  05/02/2019, In data odierna si è tenuta dinanzi il GUP di Taranto  l'udienza preliminare  contro gli ex gestori della Discarica Vergine per il reato di DISASTRO AMBIENTALE grazie ad un ulteriore esposto presentato da  AttivaLizzano. Tutti gli imputati sono stati rinviati a giudizio ed AttivaLizzano, anche in questo processo, si è costituita parte civile.  Il dibattimento inizierà il 7 maggio (aula E - Giudice Maccagnano);
v  14/02/2019, visto il silenzio assoluto che regna da un po’ di tempo sui problemi della Discarica Vergine, in data odierna il presidente Angelo DEL VECCHIO, d’accordo con il direttivo di AL, invia in maniera informale, un messaggio whatsapp al Governatore della Puglia;
v  20/02/2019, Con l’aiuto del Sindaco D’Alò Ciro si riesce ad avere un breve incontro con il Governatore della Puglia Emiliano in occasione della Conferenza sul Decreto Sicurezza che si è tenuto oggi pomeriggio presso la Fiera Del Levante a Bari. In questa occasione AL, insieme al sindaco A.D’Oria e ad altri consiglieri comunali di Lizzano, si chiede ad Emiliano come si pone la Regione Puglia nei confronti della Discarica Vergine, riguardo il suo futuro che pare ancora incerto. Il Presidente Emiliano ci ha rassicurati che la discarica verrà messa in sicurezza,  bonificata e chiusa e che tale misura verrà inserita nel Piano Generale dei Rifiuti che è in fase di ultimazione;
v  17/03/2019, Alla luce degli avvenimenti giudiziari che si stanno rincorrendo in questi giorni, dove si vedono implicati in reati di mazzette l’ex presidente della Provincia di Taranto Martino Tamburrano, un dirigente del settore ambiente della stessa provincia e altri dirigenti e imprenditori di aziende di raccolta e smaltimento rifiuti, AL ha inoltrato alla stampa una nota dove si evidenziano i grandi problemi che in passato si sono  dovuti fronteggiare per far si che le autorizzazioni della  discarica Vergine non fossero trasferite ad un altro soggetto privato, trasferimento fortemente voluto dallo stesso ex presidente della provincia;
  24/04/2019, AL dietro invito della Prefettura di Taranto, viene convocata, insieme a decine di associazioni della provincia di Taranto, al tavolo Istituzionale Permanente per discutere sul Contratto Istituzionale di Sviluppo per l’area di Taranto. All’incontro, tra le Istituzioni, erano presenti i ministri Di Maio, Grillo, Costa, Lezzi e Bonisoli, erano presenti anche i cinque parlamentari 5 stelle tarantini. Nell’occasione AL ha preso la parola esponendo brevemente le criticità della Discarica Vergine e il completo abbandono della Discarica Mennole, ormai in post-produzione;
09/05/2019, AL interviene con una lettera aperta indirizzata a tutte le Istituzioni responsabili della salute pubblica e dell’ambiente affinchè si adoperino a porre in sicurezza, bonificare e chiudere definitivamente la Discarica Palombara. Si ricorda che da oltre 5 anni, giorno del sequestro, la discarica è in stato di abbandono, con il relativo percolato che fuoriesce dalla vasca dei rifiuti, tanto da aver fatto franare una parete di essa. La tracimazione del percolato e la probabile compromissione della geo-membrana hanno contribuito all’inquinamento delle falde profonde di sostanze altamente pericolose: PCB, Diossine, Boro e ferro, giusto quanto asserisce il giudice L. Marazia nel suo atto di accusa per Disastro Ambientale contro gli ex gestori della discarica. La lettera evidenzia che in tutti questi anni si sono avvicendati numerosi politici responsabili della messa in sicurezza del sito, difatti: tre assessori all’ambiente della Regione Puglia, due Presidenti di Provincia e due Sindaci al Comune di Taranto. Ci si chiede, quanti altri politici dovremo veder passare senza che essi si assumano le proprie responsabilità?

Nessun commento: