20 settembre 2014

La verità sulle fontane di Lizzano

di AttivaLizzano, 20 Settembre 2014

Fontana non ancora sistemata da Robin
Fontana sistemata da Robin
Carissimi amici, mi preme esporvi in maniera precisa, puntuale e onesta, con l’esibizione di prove, che ciò che il sindaco ha tentato di far credere all’opinione pubblica nazionale con l’intervista rilasciata ieri nella trasmissione radiofonica “ RESTATE SCOMODI “ in onda su Rai Radio 1  non ha un minimo di verità. Quella al sindaco Macripò è stata un’intervista che ha messo in piena luce la scarsa capacità di gestione della cosa pubblica addossando le sue negligenze su chi lo contesta, diffamandolo. Le foto allegate mostrano una delle fontane ripristinate dal cosiddetto Robin con tanto di cappello, manopola e rubinetto ma soprattutto funzionante, checché Macripò dichiari che siano state deturpate; l'altra foto è riferita a quelle che Robin dovrebbe ripristinare e che allo stato attuale sono nel più totale stato di degrado. Giudicate voi: sono più decenti da vedere quelle ripristinate o quelle in stato di abbandono e non funzionanti? 



02 settembre 2014

Robin riporta l'acqua alle fontane di Lizzano


di AttivaLizzano, 2 Settembre 2014

Da diversi anni tutte le fontane pubbliche di Lizzano gravavano in uno stato di abbandono, privando i cittadini e turisti di approvvigionarsi di acqua pubblica. Un anonimo paladino della giustizia, autoproclamatosi Robin, ha riportato al totale funzionamento tre di queste fontane pubbliche situate in punti strategici del paese. A causa della mancanza di rete idrica in buona parte di Lizzano, da anni, i cittadini reclamavano con urgenza il ripristino delle fontane, essendo costretti a rifornirsi di acqua in paesi limitrofi. Al momento attuale altre fontane del paese necessitano il completo ripristino. Ci chiediamo: sarà Robin a riportarle al loro normale funzionamento o l'ente preposto? E ancor di più a che punto è il completamento della rete idrica nel paese?

27 maggio 2014

  
  di Quotidiano, 25 Maggio 2014                                                                                                           
  ‹‹Raccolta differenziata un vero disastro››

 AttivaLizzano contesta l’amministrazione Macripò: « Non può funzionare così la raccolta differenziata. La  popolazione ormai non differenzia più! Si notano nelle giornate di raccolta indifferenziata, sacchi pieni di ogni  genere di materiali: plastica, cassette di legno, giocattoli, carta, umido, metalli, vetro, tutta roba che  andrebbe differenziata e riciclata. Si notano proprio nei giorni dei sacchetti grigi (indifferenziato), più sacchi  che ogni famiglia pone vicino il proprio uscio. Così  non può continuare, senza alcun controllo o  disincentivazione alcuna da parte delle autorità preposte e dall’Amministrazione comunale. I dati che mostra  la regione Puglia per il Comune di Lizzano riguardo la raccolta differenziata, sono scoraggianti, siamo fermi  al 38%. Mentre il Comune di Sava che ha iniziato a differenziare l’anno scorso ha raggiunto il 65% »

11 aprile 2014

Botta e risposta sulla Vergine



di Taranto Oggi,  6 Aprile 2014
Tra il movimento Attiva Lizzano e l’assessore regionale all’Ambiente, Nicastro

Il movimento Attiva Lizzano non ci sta e torna senza risparmiare critiche sulla vicenda
della discarica Vergine, tra l’altro sotto sequestro. “A partire dal sequestro preventivo
della discarica Vergine ordinato dal gip Valeria Ingenito il 31 gennaio scorso.–
scrive in una nota il movimento- alla conferma dello stesso avvenuta qualche giorno dopo
da parte del Tribunale del riesame, il silenzio da parte della Regione Puglia e della
Provincia, quest’ultima commissariata, è sconcertante. Ormai sembra una prassi consolidata
da parte della magistratura doversi far carico delle inerzie della politica italiana. Ora più che mai sarebbe opportuno che la Regione Puglia intervenisse a livello amministrativo e mettesse in
discussione l’AIA rilasciata alla discarica Vergine nel 2008 e beneficiaria di un prolungamento per ulteriori tre anni per via della certificazione EMAS.”.
E’ tempo, scrive AttivaLizzano,“che la politica e le istituzioni si facciano carico dei problemi che hanno causato nella provincia del tarantino con il rilascio indiscriminato di autorizzazioni alle
varie discariche. Nel caso di Lizzano, la discarica Vergine ha ottenuto un’autorizzazione
senza aver caratterizzato e messo in sicurezza le tante discariche che sorgono nella stessa area da più di quarant’anni, risalenti agli anni 70/80, quando non vigeva alcuna normativa per lo smaltimento dei rifiuti. Tali discariche ottenute semplicemente dall’esaurimento di cave di
tufo sono state utilizzate per ogni tipo di rifiuti. Spetta alla politica risolvere i problemi poc’anzi menzionati, così come li ha creati dimostrando perlomeno superficialità e scarsa attenzione alla salute dei cittadini. Al contrario, la carica che gli amministratori hanno avuto dagli elettori è
data per affrontare e risolvere i problemi della collettività, altrimenti la loro presenza è solo un costo e la loro funzione sociale del tutto inutile” Pronta, però, la replica da Bari. A tentare di chiarire ci prova l’assessore all’Ambiente, Lorenzo Nicastro. .“Quando nel 2011 la Regione Puglia
ha diffidato il gestore della discarica ‘Vergine’ sulla base di evidenze scientifiche messe a disposizione da Arpa Puglia che fotografano il problema delle emissioni odorigene con
il mancato intervento del gestore ha dovuto, conseguentemente, sospendere il titolo autorizzativo dell’impianto. Come si ricorderà questo provocò un ricorso del gestore prima al TAR e poi al Consiglio di Stato, in entrambi i casi la Regione fu soccombente.”, spiega in una nota Nicastro. .“Il dato storico sul percorso amministrativo di intervento sulle criticità odorigene del sito è fondamentale per smentire chi dice che la Regione non sta facendo il proprio lavoro. Poiché la scarsa conoscenza dei fatti, dovendo escludere altre motivazioni, crea informazione imprecisa
e dannosa, sottolineo inoltre– prosegue Nicastro - che, anche dopo la definizione di quel percorso di giustizia amministrativa, il competente ufficio regionale ha continuato a lavorare perché si
potesse effettuare un monitoraggio del sito che, finalmente, desse un quadro conoscitivo definito della questione. La richiesta formulata dalla Regione Puglia nel marzo 2013 viene messa in atto
qualche mese dopo. Dal 16 giugno al 23 luglio del 2013 infatti il sito è oggetto di un monitoraggio effettuato con due diverse centraline; una posta a ridosso dell’impianto e l’altra nel centro del comune di Lizzano.”
“Recentemente i dati di quel monitoraggio sono stati elaborati e validati da Arpa Puglia che ha evidenziato valori medi giornalieri, relativamente all’acido solfidrico, al di sotto delle soglie di legge anche se, in alcuni momenti della giornata, gli stessi superano i riferimenti di soglia.

Dalla breve ricostruzione –conclude Nicastro – si evince non solo come il tema del sito sia ben presente nelle attività dei competenti uffici regionali ma anche come lo sia stato sin dalle prime segnalazioni giunte dal territorio.”.

«La società Vergine inadempiente e la sua autorizzazione è a rischio»

di Taranto Q Provincia, 11 Aprile 2014
L’associazione “AttivaLizzano” sprona le autorità locali a intervenire

L'associazione di Volontariato «AttivaLizzano» torna sulla questione della discarica Vergine.
Nell’evidenziare i provvedimenti emessi dalla magistratura di Taranto, che ha sequestrato la discarica con misura confermata dal tribunale del Riesame, l’associazione sottolinea che «la discarica, così come previsto dal progetto esecutivo, con il quale è stata ottenuta l’autorizzazione integrata ambientale, doveva essere dotata di un impianto di trattamento di inertizzazione dei fanghi,
sia pompabili che palabili, mediante cemento e calce più polvere di silice, finalizzato a stabilizzare e solidificare il fango, rendendolo così idoneo allo
stoccaggio finale in discarica, con sostanziale inibizione dei fenomeni di fermentazione nel corpo della discarica, responsabili dello sviluppo dei
gas odorigeni. Pertanto, non sono state rispettate le regole stabilite
dalle autorità locali, ed in particolare della Regione Puglia, che sono alla base dell’autorizzazione ad operare concessa alla società Vergine. Non solo, ma la proprietà è stata inadempiente in maniera così grave che è stato necessario il
sequestro preventivo dell’intera discarica ordinato dal giudice penale».
«Davanti ad una così clamorosa violazione di norme, in buona sostanza “responsabili dello sviluppo dei gas odorigeni” - per non parlare dei potenziali
rischi per la salute - l’associazione AttivaLizzano «chiede di conoscere quali
provvedimenti in autotutela hanno adottato le autorità locali, a cominciare dalla Regione Puglia». Dice l’associazione «AttivaLizzano»: «Si potrebbe persino
ipotizzare una revoca dell’autorizzazione data a suo tempo alla società Vergine, ex
articolo 21-quinquies legge 241/90, per “sopravvenuti motivi di pubblico interesse ovvero nel caso di mutamento della situazione di fatto o di nuova valutazione dell'interesse pubblico originario”, ma malgrado il diritto amministrativo e la
giurisprudenza abbondano di soluzioni per affrontare e risolvere l’abominevole problema “puzza” a Lizzano, le autorità preposte latitano, benché, ahinoi,
dovrebbero avere a cuore il benessere e la salute dei cittadini che si pregiano di rappresentare».

08 aprile 2014

Il sacrificio degli oleandri



Di TarantoOggi, 8 Aprile 2014

LIZZANO – Il movimento Attiva Lizzano attacca l ’Amministrazione comunale
“Vedremo quando l’ultimo albero sarà distrutto in questo paese come faranno a respirare loro e i loro figli.
Sembra che gli amministratori lizzanesi trattano gli alberi come elementi puramente decorativi tanto da poter essere
eliminati a piacimento senza alcuna conseguenza per l’ambiente. Alludiamo agli oleandri che fiancheggiavano la
circonvallazione di Lizzano che, durante i lavori di rifacimento dei marciapiedi ,sono stati tutti espiantati .
Oleandri, sopravvissuti per decenni, che un’Amministrazione miope ha condannato a morte per far posto a dei marciapiedi”.
 La denuncia parte dal movimento Attiva Lizzano, sentinella ambientalista sul territorio.
“Pratica , questa , ormai consueta – ribadisce il movimento -, basti pensare alla dura resistenza che ha dovuto
affrontare l ’associazione quando l ’Amministrazione comunale scorsa , capeggiata dall’attuale sindaco Dario
Macripò, aveva progettato l’espianto di numerosi alberi di pino per la realizzazione di un parco comunale”.
Attiva Lizzano “è fermamente contraria a questa serie di attentati all’ambiente che si perpetrano con tanta
leggerezza , ambiente lo ricordiamo, già infestato dalle esalazioni della vicina discarica Vergine, dai reflui del
depuratore consortile e dalle varie discariche abusive che distruggono le nostre campagne” e perciò “dice basta a
questa politica distruttiva e insensata . Auspichiamo che il governo di questo paese si ravveda e ripristini il verde

che ha appena distrutto e in futuro si impegni a preservare la vita delle piante che da decenni decorano la storia del nostro paese”.

24 marzo 2014

Precisazioni di AttivaLizzano



Gentili soci e simpatizzanti, 
qualche giorno fa vi abbiamo informato di un’iniziativa per la pulizia della strada che va verso la chiesetta dell’Annunziata, nell’agro di Lizzano, promossa dal Movimento 5 Stelle del nostro paese che aveva invitato anche AttivaLizzano. 
Premettendo la totale estraneità della nostra Associazione all’organizzazione di tale iniziativa, ci teniamo a precisare che la riteniamo coerente con gli scopi di tutela dell’ambiente e salvaguardia del nostro territorio che sono alla base della nostra Associazione. Pertanto, avendo tutti a cuore tali scopi e consapevoli dell’importanza della promozione della cittadinanza attiva per la riuscita di un’attività a tutela del nostro territorio, abbiamo pensato di informarvi, come siamo soliti fare quando l’iniziativa è meritoria.
Purtroppo, un socio, esponente di un partito politico, ha strumentalizzato la nostra informazione per gettare discredito sulla nostra Associazione, a mezzo Facebook, il quale ci ha anche tacciato di incoerenza per esserci, in passato, rifiutati di prendere parte attiva per proporre la costituzione di una commissione ambientale presso l’Amministrazione comunale di Lizzano.
Precisiamo che tale proposta ci fu fatta dai consiglieri di opposizione del Movimento 5 Stelle, prima, e del Pd, poi e, in entrambi i casi, ci siamo rifiutati perché, dopo ampie discussioni tenute in assemblee pubbliche, non abbiamo ritenuto la costituzione di una commissione ambiente uno strumento utile per tutelare la salute dell'ambiente e dei cittadini, pertanto abbiamo democraticamente bocciato la proposta.
E' evidente l'abissale differenza tra informare i soci e i simpatizzanti su una lodevole iniziativa rivolta ai cittadini per la pulizia di una strada pubblica, quindi a favore della nostra comunità, rispetto a quella di allearsi con rappresentanti del Consiglio comunale per sostenere iniziative politiche. Accostare le due situazioni è quindi un pretesto per alzare un polverone su AttivaLizzano, montando una polemica infondata e pretestuosa, segno ne è anche l’utilizzo dello strumento (Facebook) essendo molto utile per fare campagna politica a buon mercato e gettando discredito su un’associazione di cui, lo stesso diffamatore, è socio e pertanto, a maggior ragione, ne dovrebbe conoscere regole ed usi.
Ci dispiace che la condivisione di un’informazione su un’iniziativa a tutela del nostro ambiente abbia dato adito a simili commenti e ci duole intervenire su chi, invece di porsi in un'ottica costruttiva, è pronto a screditare AttivaLizzano che da diversi anni si impegna nella difesa del diritto alla salute dei cittadini e del loro ambiente.
Ribadiamo che l’associazione è apartitica e i soci nella loro vita privata sono liberi di schierarsi, ma auspichiamo che le energie dei nostri concittadini vadano investite in dialoghi più edificanti e costruttivi per l’intera comunità e non per farsi pubblicità celando singoli interessi politici.

                                                                                                                     
                                                                                                                    AttivaLizzano

18 marzo 2014

Li dove c’era l’erba ora c’è… discarica Vergine e dintorni

di Gaetano De Monte, Siderlandia.it
“Non esiste delitto, inganno, trucco, imbroglio e vizio che non vivano della loro segretezza”, affermava John Pulitzer, e portare alla luce del giorno questi segreti, descriverli, rendendoli ridicoli agli occhi di tutti è quello che si propone di fare chi cerca la verità. La storia che stiamo per raccontarvi vuole indagare le vicende di un lembo di terra ionica, precisamente dell’Isola Amministrativa chiamata “Taranto B”, distante 18 km dal capoluogo: un’area compresa tra i comuni di Lizzano, Faggiano, Roccaforzata, Fragagnano, Monteparano.
Questa zona, che abbraccia campagne dagli uliveti secolari, rigogliosi vigneti curati dalla sapienza dei maestri contadini, scenario inconfondibile delle grandi dimore storiche e delle antiche masserie, per quasi 40 anni è stata utilizzata come discarica incontrollata da parte di tutta la Provincia (ma anche da altre province, soprattutto del settentrione), senza che vi siano mai stati controlli né quindi alcuna bonifica. Chissà cosa scriverebbe Vitruvio, che circa 2000 anni fa elogiava la bellezza e il dolce frutto degli ulivi pugliesi, unici al mondo, e i doni della terra. Questa stessa terra è diventata merce di scambio nel “do ut des” con una presunta modernità: prima c’è stata l’ingombrante presenza di cave di estrazione di tufi; successivamente gli stessi gestori delle cave, con la complicità di amministratori e politici compiacenti, hanno destinato quel territorio al conferimento di rifiuti. Per noi, oltre al danno, anche la beffa; per qualcuno, come Giuseppe Vergine, proprietario dell’omonima discarica e titolare ormai di un “marchio” nella gestione dei rifiuti – pubblicizzato da un po’ tutti i media “ufficiali” locali – occasione perfetta per lucrosi guadagni. Sulle spalle e sulla pelle dell’intera provincia di Taranto, ovviamente, e sulla salute dei cittadini di Lizzano, in particolare: i quali, per via della vicinanza dal centro abitato, circa 2 km, sono i più esposti ai veleni della Vergine. Ormai già da alcuni anni gli abitanti accusano gli effetti di questa situazione: cefalee, nausea, vomito, dissenteria, irritazione alla bocca e alla gola, bruciore allo stomaco, irritabilità e depressione. Ma non solo: negli ottocento esposti che contengono testimonianze e dati scientifici, presentati alle autorità competenti dall’associazione AttivaLizzano – che da anni vigila sulle problematiche del territorio sul diritto alla salute dei residenti –, si fa riferimento a tantissimi casi di asma, a numerosissimi casi di tumori (leucemie, linfomi, carcinomi alla mammella, sarcomi ossei, carcinomi ai polmoni, al fegato), a problemi alla tiroide (ipotiroidismo, congenito ed acquisito, ipertiroidismo e carcinomi).
I dati e le considerazioni prodotte dall’ARPA in particolare, evidenziano inequivocabilmente “la presenza di esalazioni di acido solfidrico provenienti dalla discarica Vergine s.p.a. in quantità tali da arrecare danni alla salute dei cittadini”. Gli studi scientifici permettono qui di asserire il nesso di causa-effetto tra le concentrazioni di acido solfidrico presenti nell’aria e i sintomi lamentati dalla popolazione lizzanese. Le conclusioni diffuse dall’Organizzazione Mondiale Della Sanità evidenziano che, dati livelli di acido solfidrico identici a quelli rilevati nel territorio di Lizzano (0,038 ppm e 0,013 ppm), è possibile riscontrare effetti come: bruciore agli occhi e al naso, tosse, mal di testa, odore sgradevole, difetti neuropsicologici. Tutti disturbi lamentati e denunciati dalla popolazione lizzanese negli esposti già menzionati.
La discarica per rifiuti speciali ex 2B “Mennole” della società Vergine riceve rifiuti molto pericolosi: tra gli altri, conce di pellame contenenti cromo, fanghi di depurazione; i materiali provengono da tutta Italia e la volumetria del sito è di 1.080.000 m³. La sua storia inizia nel 2003 con un iter autorizzativo singolare e controverso. Nel 2008 è entrata in esercizio; subito dopo si dà l’avvio alla seconda discarica Vergine per rifiuti speciali, la “Palombara”: un sito con una volumetria di 2.288.000 m³, vicinissimo al centro abitato (1.500 metri). L’apertura di questa nuova discarica di dimensioni enormi – quasi 3 volte superiore a quella precedente – è stata fatta passare per “un ampliamento”. Anche qui, nel rilascio della Valutazione di impatto ambientale, l’iter è stato grottesco. Non è stato infatti preso in considerazione l’effetto cumulativo di 40 anni di sversamenti, ciò malgrado fosse già evidente una carenza negli strati di impermeabilizzazione, oggi palesata dalla relazione tecnica di un’equipe di ingegneri (secondo la quale mancherebbe 1 metro di strato di impermeabilizzazione). Dal 1982, infatti, tutte le discariche devono sottostare al DPR 915/82 che obbliga all’impermeabilizzazione dell’impianto per evitare che vengano contaminate le falde acquifere ed il terreno. Tuttavia, proprio la presenza in quella zona di discariche incontrollate, precedenti all’emanazione della norma, fa temere l’eventualità di una contaminazione. Intanto la proprietà ha addirittura chiesto nei mesi scorsi alla Regione Puglia di poter aumentare per tre volte la quantità e la pericolosità dei rifiuti da ricevere. Un’attività che determina un giro d’affari milionario. Eppure la discarica Vergine ha reso più povera Lizzano: privando gli abitanti del piacere di una serata all’aperto, del profumo della mattina, del diritto alla salute, e della stessa dignità dell’esistenza. La discarica Vergine sta trasformando Lizzano e i comuni vicini in una sua appendice imponendo un odore terribile, insopportabile, nauseabondo.
Gli abitanti di Leonia, una delle “Città invisibili” di Italo Calvino, direbbero, se interrogati, che la loro passione è «il godere delle cose nuove diverse». In effetti, ogni mattina la popolazione di Leonia «indossa vestaglie nuove fiammanti, estrae dal più perfezionato frigorifero barattoli di latta ancora intonsi, ascoltando le ultime filastrocche dall’ultimo modello d’apparecchio». Ogni mattina, però, «i resti della Leonia d’ieri aspettano il carro dello spazzaturaio», e i netturbini sono «accolti come angeli», perché a mano a mano che i leoniani si distinguono nella loro ricerca delle novità, «una fortezza di rimasugli indistruttibili» circonda la città, «la sovrasta da ogni lato come un acrocoro di montagna”.
Gli abitanti di Lizzano e l’associazione AttivaLizzano invece combattono una battaglia per essere tutelati nel diritto ad un ambiente salubre e nel diritto alla salute (art. 32 della Costituzione Italiana). Ed hanno più volte chiesto agli amministratori e agli Enti Locali che prima di continuare a rilasciare deroghe e di permettere alla discarica di proseguire le sue attività, vengano considerati i problemi riguardanti l’ambiente e le patologie ad esso connesse; di accertare, tramite adeguate mappe epidemiologiche e registro tumori, gli eventuali danni conseguenti l’inquinamento. Ma gli enti competenti, a causa della latitanza delle istituzioni, non hanno quasi mai effettuato indagini e controlli diversi da quelli finora presentati – e che invece il principio di massima precauzione richiede. Più volte è stata ribadita da diverse parti la necessità di specifici carotaggi nelle vasche attive e in quelle dismesse, in modo da valutare correttamente lo stato delle impermeabilizzazioni e la composizione di tutto ciò che è stato ed è attualmente conferito per accertare, eventualmente, anche la presenza di rifiuti radioattivi nascosti nelle vaste vasche delle ormai esaurite discariche precedenti.
E’ comunque impensabile un ulteriore aumento della quantità dei rifiuti che la discarica Vergine riceve ogni giorno. Anche perché gravi ombre pesano sulla stessa gestione: i dirigenti della società sono stati infatti chiamati in causa in 3 processi per traffico illecito di rifiuti: “El Dorado” del 2003, “Ragnatela” del Giugno 2010 e “Spiderman” del Febbraio 2010 – quest’ultimo procedimento ha portato all’arresto di Antonio Anglano, tarantino, residente a San Giorgio Ionico. In pratica succedeva che tonnellate di rifiuti speciali pericolosi venivano conferiti dalle aziende della Val di Sangro alla Di Florio Srl, impianto di stoccaggio e selezione di Cerratina, frazione del comune di Lanciano. Da lì i rifiuti venivano trattati in modo fittizio e inviati nelle discariche di Cerratina, a due passi dal predetto impianto, e nella discarica Vergine di Taranto, con documentazione falsa. E questo stratagemma sarebbe ormai usato e collaudato dall’azienda poiché consente di far risparmiare notevoli somme sulla tassa regionale. E’ ovvio come ci sia poco da fidarsi…
Della società Vergine ad un certo punto non si è fidata neanche più la Regione Puglia; nei mesi scorsi infatti, a seguito di accertamenti effettuati presso il sito da parte dell’Arpa, Dipartimento Taranto, e dalla Polizia Provinciale, sono state riscontrate “inosservanze di prescrizioni normative ed autorizzative”. In particolare, è stata ipotizzata una cattiva gestione dei rifiuti, a causa della mancata copertura giornaliera degli stessi – che avrebbe provocato la dispersione di odori – e della creazione di un dreno non autorizzato per raccogliere acqua piovana dal fondo – operazione che potrebbe determinare la rottura del telo impermeabilizzante che ricopre la parte inferiore della vasca. La Regione, in qualità di Autorità Competente, ha di conseguenza ammonito la Società Vergine al ripristino delle regolari condizioni di esercizio della discarica in località Palombara, sospendendo per dieci giorni l’Autorizzazione Integrata Ambientale, in attesa che la proprietà ottemperasse ai suoi ordini. “Una misura cautelare”, si era affrettato a specificare Lorenzo Nicastro, assessore regionale all’ecologia, “per tutelare l’ambiente e la salute”. Un provvedimento che è svanito come una bolla di sapone: dopo soli cinque giorni la Regione ha fatto dietrofront e successivamente anche una sentenza del Tar ha autorizzato la riapertura dell’impianto specificando “che i rifiuti abbancati risultano essere stati coperti e così pure i rifiuti interessati dalla costruzione del dreno; inoltre che i lavori relativi alla costruzione del dreno sono avvenuti a distanza di sicurezza dall’argine impermeabilizzato, cioè a circa undici metri dallo stesso”; “che, trattandosi di lavori sostanzialmente inerenti all’ordinaria gestione della discarica e non importanti particolari rischi, la realizzazione del dreno non abbisognava di una specifica autorizzazione da parte degli Enti preposti al settore”. Nel dispositivo, si legge inoltre, “che quando nell’abitato di Lizzano si riscontrava la diffusa e permanente presenza di odore molesto era stata altresì accertata la sostanziale difficoltà dell’accertamento del legame delle attività svolte in discarica e le immissioni odorifiche e l’impossibilità, inoltre, di considerare provato il nesso causale sussistente tra le emissioni e lo stoccaggio dei rifiuti in discarica”. Della serie, “lavamose le mani e mors tua, vita mea”, insomma.
Mentre scrivo guardo un documentario: “Waste Land”, una testimonianza meravigliosa di come l’arte possa riscattare anche una situazione disperata. Nella “terra degli scarti” non ci sono solo i rifiuti, ma gli stessi “catadores”, gli abitanti della discarica Jardim Gramacho, il sito di raccolta di spazzatura più grande del mondo, che si trova vicino Rio de Janeiro, in Brasile. I “catadores” sono persone che passano le loro giornate in mezzo a questi rifiuti, differenziando i materiali ammucchiati in questa enorme distesa di immondizia. Basta guardare le facce di questi catadores per capire che la loro vita non sarà più la stessa. E la nostra?

10 marzo 2014

Depuratore spento dal giudice, rischio tilt


TR NEWS.it , 10 Marzo 2014
Dopo il sequestro, il tribunale di taranto revoca anche la facoltà d'uso al depuratore di Lizzano. Rischio tilt. L'Aqp deve immediatramente correre ai ripari.
LIZZANO- Dopo il sequestro del 18 febbraio scorso, è stata ritirata la facoltà d’uso per il depuratore di Lizzano, che serve anche i comuni di Fragagnano e San Marzano di San Giuseppe. Una decisione eclatante quella del gip del Tribunale di Taranto, Vilma Gilli. Pura Depurazioni, società controllata da Aqp, non avrebbe, infatti, adeguato l’impianto, che scarica nel canale Ostone, dopo i sigilli apposti dal Noe di Lecce.
Il provvedimento cautelare supportato anche da analisi e campionamenti aveva accertato il superamento dei parametri di inquinamento tabellari previsti dalla normativa. I sigilli erano stati apposti per la necessità di impedire che dal canale giungessero in mare sostanze atte ad arrecare molestie alle persone con formazione di schiuma e chiazze colorate che contengono un’elevata concentrazione di organismi batterici pericolosi per la salute. È il motivo per cui alla Pura depurazione è stato contestato il reato di getto pericoloso di cose.
Nel frattempo, però, la società di Aqp non ha provveduto all’adeguamento. Ora è rischio caos, perchè il depuratore è fermo e si dovrà provvedere con il trasporto tramite bottini presso altro impianto.


AttivaLizzano: “Vogliamo garanzie Noi non molliamo"

Taranto sera , 8 Marzo 2014

LA CONFERENZA

LIZZANO – Il comitato AttivaLizzano rompe il silenzio e dopo il pronunciamento del Tribunale e del Riesame sul sequestro della discarica Vergine, stamattina, ha illustrato obiettivi e propositi di una battaglia ambientale che ha ottenuto i primi risultati.
Con l’ausilio dell’avvocato Francesco Nevoli, l’associazione ha illustrato la storia passata, recente e futura  dell’ambiente a Lizzano.
Un ambiente spesso martoriato dai cattivi odori che, dopo le segnalazioni  dell’associazione e dei cittadini, i controlli dell’Arpa e il sequestro del Noe è stato appurato che provengono dall’impianto di stoccaggio dei rifiuti.
“Finora ci siamo astenuti dal fare dichiarazioni – ci dice il presidente Angelo Del Vecchio -  perché aspettavamo la sentenza del Riesame che ha confermato i sigilli alla discarica. Ora ci aspettiamo che l’azienda si adegui alle norme creando, cioè, quella linea di inertizzazione che manca e che gli esperti dicono essere la causa della puzza in città”.

Alla conferenza stampa è intervenuto anche Eugenio Giordano, attivista della Terra dei Fuochi che plaude all’operato del comitato: “Una lotta simile a quella condotta in Campania e che va sostenuta perché quando si parla di salute bisogna difenderla”.